Adsense3

mercoledì 9 settembre 2020

Psicocibernetica: la sensazione di vittoria (quarta e ultima parte)

Maltz consiglia fortemente di concentrarsi su ciò che si vuole far accadere. Questa credenza è oramai diffusa tra molti scrittori, pensatori e uomini di successo:
ciò su cui si concentra l'attenzione si espande
Questo monito è anche espresso fortemente nel bellissimo film The secret e nell'omonimo libro di Rhonda Byrne. Tratterò di questo film e del tema della Legge dell'attrazione in una pagina a parte. Ci sono alcuni punti fondamentali da tenere a mente, sempre:
  1. restare sempre orientati verso uno scopo, anche durante una crisi
  2. quando qualcosa vi minaccia, considerate con serietà qual è la cosa peggiore che vi può accadere
  3. considerate le crisi giornaliere non come questioni di vita o di morte ma come occasioni per progredire
Per emulare la sensazione di vittoria o raggiungimento di uno scopo dovete vedere con chiarezza la possibilità di raggiunrgelo, immaginando la situazione, in modo da far sorgere la sensazione che provereste se lo scopo fosse stato raggiunto:
se indugiamo a pensare al fallimento, vividamente, esso diventerà reale per il nostro sistema nervoso e sentiremo anche i sentimenti che a tali pensieri si accompagnano.
Invece se teniamo a mente il nostro scopo positivo, con fermezza, se vi pensiamo in termini di fatto compiuto, proveremo sentimenti di vittoria: fiducia in noi stessi e coraggio.
Quindi la chiave di tutto il processo è questa:
immaginate il vostro scopo o il risultato atteso con chiarezza e vividamente, anche nei particolari, e poi 'afferate' quella sensazione che provereste se il risultato fosse un fatto già compiuto
Allora agirete creativamente e spontaneamente e farete uso dei vostri poteri interiori per raggiungere quello che desiderate.
Da tutto ciò si evince che siamo noi i creatori del nostro universo, della nostra vita. Avendo appreso ciò che ho appensa descritto non potrete più trarre consolazione per le vostra situazione presente dal disprezzo per la società, i vostri genitori ed altro. Certamente queste cose vi aiuteranno a capire come siete arrivati al punto in cui siete. Ma dovrete accettare il fatto che disprezzarle non risolverà i vostri problemi né renderà migliore il presente e il futuro.

Nessun commento:

Posta un commento